UN MARE DI COLORI!

Salvaguardia

Una parola che vuol dire tanto ma, ad oggi, è una parola che arriva in ritardo.

Ci stiamo muovendo adesso; non con anticipo, non in tempo reale, bensì con molto ritardo.

Mi rendo conto che, come si usa dire: “meglio tardi che mai”.

Ci stiamo attivando, per fortuna.

Da dove si inizia? In verità da dove si vuole.

Ma oggi vorrei parlarvi dei coralli, così sensibili ai cambiamenti del pianeta.

Quello che noi vediamo ad occhio nudo e che ci affascina così tanto, non è altro che uno scheletro di carbonato di calcio creato dagli antozoi.

Dal https://it.wikipedia.org/wiki/Anthozoa definizione di Antozoi:

Classe di cnidarî che comprende animali marini, urticanti, con parvenze di fiori e di piante; hanno corpo molle a simmetria raggiata, in forma di cilindro cavo (colonna) che poggia sul substrato con la suola, e porta nella parte superiore (disco) una corona di tentacoli.

Questi organismi si possono chiamare più comunemente polipi. Grandi pochi millimetri, sono individui molto semplici ed identici geneticamente, vivono in acque tropicali, con una temperatura media di 30 gradi.

La cosa davvero curiosa è il colore che assumono e la loro forma!

I colori sono dei più variegati: blu elettrico, verde, viola, giallo … sono di un fascino ineguagliabile e rendono i fondali molto più allegri.

Non ci dilungheremo su quanto tecnicamente accade per la colorazione (ci sono tanti esperti che potranno essere più precisi di noi) ma, tendenzialmente, la colorazione è data da una serie di sostanze.

Giusto per curiosità, è stata notata la relazione elemento/colore come di seguito:

ferro: CromoProteine verdi e gialle

boro: CromoProteine rosse, rosa e viola

iodio: CromoProteine blu e viola

bromo: CromoProteine fluorescenti

manganese: CromoProteine blu e rosse

E’ stupefacente pensare quanto la chimica possa creare!

Underwater coral reef sea view landscape
Fonte

Tornando al focus  principale del post relativo alla salvaguardia, vi dico solo che ad oggi abbiamo perso il 50% dei coralli esistenti in natura.

Questa era la magnifica ed ampia fascia di coralli presente nel mondo. Ricordandovi che il 50% di questa fascia è andato perso, mantenendo i livelli attuali di inquinamento, nel 2050 di questo 50% ne rimarrà solo il 10% !!

La morte di un corallo

Questa grave perdita, la dobbiamo al surriscaldamento globale. La questione è molto semplice: surriscaldamento globale, scioglimento dei ghiacciai, conseguente aumento dei livelli di acqua e di temperatura dell’acqua stessa che provocano l’espulsione dei famosi polipetti che abitano la struttura calcarea dei coralli. Anche solo una variazione di 2 gradi può determinare la morte di un corallo! Dal colore cangiante durante la sua vita, passerà quindi allo sbiancamento totale ed alla cristallizzazione.

Spesso vengono trovati dei frammenti di corallo sbiancato sulle rive del mare come testimonianza di questa triste storia…

Gli studi

Gli studiosi si stanno concentrando sulla salvaguardia di quanto è rimasto. E’ in corso uno studio sul possibile “impianto” di nuovi coralli per tentare un “rimboschimento” dei reef.

Il comportamento da adottare

Qualche regola da adottare per cercare di non distruggere ancora di più le barriere coralline esistenti. Prima di tutto è assolutamente vietato camminare sui coralli in nessuna maniera possibile, neanche appoggiarsi a loro con le pinne! Non toccarli ma solo osservarli … Scattare fotografie non fa male a nessuno, l’importante è non raccogliere nulla dal mare: che sia un corallo, che sia una conchiglia particolare. Per fortuna oggi ci sono leggi che vietano l’esportazione di questi gioielli marini.

Un po’ di attenzione nel presente e buoni propositi per il futuro …

Daniela

2 pensieri su “UN MARE DI COLORI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...